Castelli nel Deserto

Allungando verso est di Amman, la pianura arida del deserto rotola verso l'Iraq e l'Arabia Saudita. Questo è un luogo in cui sabbia infinita e paesaggi di basalto sterile dimostrano la capacità dell'uomo di prosperare in condizioni difficili.

 

La scoperta di assi di selce in questo deserto indica che i coloni paleolitici abitavano la regione circa mezzo milione di anni fa. Ma i resti più notevoli dell'abitazione umana sono i palazzi costruiti dai califfi omayyadi di Damasco durante i primi giorni dell'Islam (VII-VIII secolo d.C.).

 

Al culmine della dinastia omayyade, l'architettura fiorì con lo scambio culturale che accompagnava le rotte commerciali in crescita. Nel 750 d.C., quando la dinastia omayyade fu rovesciata dagli Abbasidi di Baghdad, un'architettura musulmana riccamente caratteristica si stava evolvendo, grazie all'influenza cosmopolita di costruttori e artigiani attirati dall'Egitto, dalla Mesopotamia e da altre parti della regione.

 

Oggi è possibile vedere molte reliquie del periodo islamico antico e medievale in Giordania. Sparsi in tutto il terreno simile alla steppa della Giordania orientale e le colline centrali sono numerose rovine storiche, tra cui castelli, fortezze, torri, bagni, locande per roulotte e palazzi fortificati. Conosciuti collettivamente come castelli del deserto o palazzi del deserto, originariamente facevano parte di una catena che si estendeva da nord di Damasco fino a Khirbet al-Mafjar, vicino ad Ariha (o Gerico).

.