Teatro Romano

Il teatro romano di Amman ha 6.000 posti a sedere e risale al II secolo in epoca romana, quando la città era conosciuta come Filadelfia. Il teatro e la vicina Odeon fiancheggiano rispettivamente la nuova piazza hashemita da sud e da est, mentre il ninfeo romano è una breve passeggiata a nord-ovest.

 

Il teatro fu costruito durante il regno di Antonio Pío (138-161 d.C.). La struttura ampia e fortemente inclinata poteva ospitare circa 6.000 persone: costruita sul fianco di una collina, era orientata a nord per tenere il sole lontano dagli spettatori.

 

Era diviso in tre sezioni orizzontali (diazomi). Gli ingressi laterali (paradoi) esistevano a livello del suolo, uno conduceva all'orchestra e l'altro al palcoscenico. Le sale dietro questi ingressi ospitano ora il Museo della tradizione popolare della Giordania, da un lato, e il Museo del folklore della Giordania, dall'altro lato.

 

La sezione più alta di posti a sedere in un teatro, conosciuta in inglese britannico come "gli dei", sebbene lontana dal palco, offre qui viste eccellenti, mentre gli attori possono essere ascoltati chiaramente, a causa dell'inclinazione della grotta.

 

Il teatro è ora utilizzato come luogo per attività culturali che includono la Fiera Internazionale del Libro di Amman, la cerimonia di premiazione della Maratona di Amman e concerti musicali, in particolare l'Al-Balad Music Festival.